Un bilancio a bottiglie ferme

A quasi un mese di distanza, a bocce (o meglio bottiglie) ferme, è tempo di bilanci per uno degli eventi che ci hanno visti impegnati durante la prima parte dell’anno: ‘VINinVILLALITTA 2016’.
Alla quinta edizione, abbiamo riconfermato il successo dei 1800 visitatori dello scorso anno. Sono state accolte con grande interesse anche le novità, i 4 percorsi guidati di approfondimento in compagnia degli esperti sommelier della Fisar di Milano che ci hanno accompagnato tra Nebbiolo e Passiti, tra gli Chardonnay e gli Amaroni.
Il nostro degustatore ‘medio’? Tra i 30 e i 50 anni, maschio (anche se numerose sono state le presenze femminili indice di una crescita di attenzione al mondo del vino anche da parte del ‘gentil sesso’), proveniente dall’hinterland lainatese, con diverse presenze milanesi e qualche puntatina dal Piemonte. Nei ‘minipercorsi’ con i Sommelier ha vinto il rosso, nel tour tra le sale della villa invece la sfida è finita in pareggio.
Sono stati molti i visitatori consolidati tornati dopo le esperienze positive degli anni precedenti. E questo ci fa piacere! Un riconoscimento al nostro impegno da sempre orientato a far conoscere qualità e territori italiani attraverso il mondo del vino e non solo. Qui abbiamo raccolto spunti e suggerimenti, ‘VINinVILLALITTA’ è stato solo il preludio di tante idee che ci stanno ‘frullando’ in testa e che, dopo l’estate, saremo in grado di svelare. Quindi… amanti del vino, seguiteci!